La Statale cade a pezzi: cinque feriti

Le studentesse sono state curate all’ospedale. Gli universitari: «Strutture fatiscenti»

Cinque studentesse tra i 19 e i 24 anni se lo sono ritrovate in testa e sul banco sul quale erano prone a scrivere i loro appunti il pezzo di cartongesso di circa due metri staccatosi ieri mattina dal soffitto dell’aula K02 del dipartimento di storia, arti, musica e spettacolo (beni culturali) della facoltà di Lettere e Filosofia dell’università Statale, in via Noto (zona Ripamonti). «Uno degli edifici più moderni dell’ateneo» ha dichiarato infuriato il rettore Enrico Decleva, accorso insieme al pro-rettore Marino Regini sul posto da dove le cinque ragazze sono state trasportate, con ferite lievi, agli ospedali Santa Rita e San Paolo.
Il crollo del grosso calcinaccio è avvenuto intorno alle 9.40 quando nell’aula era in corso una lezione di storia dell’arte moderna alla presenza di circa 200 studenti. «E quando, ironia della sorte, l’insegnante aveva appena finito di ricordarci che il padre del Caravaggio era un gran muratore» ci racconta una laureanda in storia dell’arte presente alla lezione e testimone oculare del fatto.
«Quello che si è verificato è un fatto grave - hanno dichiarato Carlo Armeni, rappresentante degli studenti in Senato accademico ed esponente di Azione universitaria e Gianluca Kamal, rappresentante degli studenti in Consiglio di facoltà. - Chiederemo all’Ateneo di accertare le responsabilità dell’accaduto, e di riferire in Senato accademico circa le condizioni delle strutture di tutta l’Università degli Studi. Chiederemo inoltre agli studenti di segnalarci tutte le strutture che presentano segni di cedimento o di degrado, per realizzare un dossier».
«Chi ha sbagliato deve pagare» ha aggiunto il rettore, fornendo il nome della ditta costruttrice dello stabile, «Iniziativa Sette».