Statali, allarme baby pensioni. All'Inpdap mancano 13 miliardi

Casse vuote per i dipendenti pubblici. Un assegno su cinque finisce agli under 60. Sacconi già al lavoro. L'esperto del Pdl Cazzola: <strong><a href="/a.pic1?ID=318226">&quot;In passato scelte troppo generose&quot;</a></strong>. Il caso di Francesca: <strong><a href="/a.pic1?ID=318231">vitalizio a 29 anni</a></strong>

Roma - Anche i nodi dell’Inpdap stanno arrivandoal pettine: l’ente previdenziale del pubblico impiego - appesantito oltre misura da decenni di generosissimi baby pensionamenti - è in piena emergenza finanziaria.Nel 2009 il disavanzo dell’istituto potrebbe toccare i 13 miliardi di euro, dei quali soltanto 5 coperti con le riserve interne. In pratica, il «buco» sarebbe pari a 8 miliardi di euro.

Le cifre, che sono emerse nel bilancio preventivo dell’ente guidato dal commissario Paolo Crescimbeni, sono già state comunicate al ministro di riferimento, il titolare del Welfare Maurizio Sacconi. L’anno appena incominciato si prospetta problematico per l’Inpdap: un esercito di 125mila travet del pubblico impiego è pronto a lasciare gli uffici nel corso del 2009, cifra che potrebbe salire a 160-170 mila se dovesse concretizzarsi l’aumento dell’età pensionabile per le dipendenti, a causa della sentenza della Corte di giustizia europea.

È infatti probabile, secondo le stime dello stesso ente, che molte lavoratrici lascerebbero velocemente l’impiego pubblico pur di evitare l’allungamento delle scadenze per il pensionamento. Sommando la spesa di Inpdap e Inps, a fine anno la spesa pensionistica complessiva potrebbe toccare - se, come sembra, il prodotto interno lordo sarà negativo - l’11% del Pil. Come spesso accade in simili circostanze, alle cause strutturali di debolezza si aggiunge una causa occasionale: nel caso del bilancio Inpdap 2009, ci sono le norme del decreto 112 (la manovra estiva) che incentivano l’esodo in pensione dei dipendenti pubblici prossimi al compimento dei limiti d’età, e hanno abolito il divieto di cumulo tra pensione e reddito da lavoro.

Complessivamente, secondo le cifre emerse in un articolo del quotidiano Italia Oggi, l’Inpdap calcola di dover far fronte a circa 28mila pensionamenti pubblici aggiuntivi, non stimati in precedenza. In sostanza, quel che lo Stato risparmia in stipendi, mandando inpensioneagevolata decine di migliaia di pubblici dipendenti, potrebbe dover spendere - almeno in parte - per ripianare il buco dell’istituto previdenziale.

Fonti dell’Inpdap confermano al Giornale che la questione è seria, e si trova all’attenzione del ministro Sacconi. Le stesse fonti spiegano che, oltre al pensionamento, l’istituto si trova a dover corrispondere migliaia e migliaia di buonuscite (l’equivalente pubblico del Tfr) non previste. E, aggiungono, nonci sono nuove entrate contributive che possano far fronte alle maggiori uscite. L’ampiezza del fenomeno si conoscerà con precisione soltanto nei prossimi mesi: molti dipendenti pubblici hanno richiesto il pensionamento al31dicembre2008,moltialtri aspetteranno febbraio per godere dell’ultimo contratto del pubblico impiego, e dunque un quadro completo si avrà verso giugno. In quel momento, l’Inpdap avrà probabilmente bisogno di un’iniezione cash.

Ma la causa occasionale non deve far dimenticare che il vero peso sui bilanci dell’ente previdenziale pubblico è rappresentato dalla montagna di baby pensioni concesse generosamente ai dipendenti pubblici nel corso degli anni. Oltre il 20% degli statali (e degli altri comparti pubblici, enti locali in testa) a riposo - secondo i dati della Ragioneria generale dello Stato pubblicati nel 2005 - ha meno di sessant’anni. Circa 80mila hanno meno di cinquant’anni, e sono più donne che uomini: la sentenza della Corte di giustizia europea potrebbe influire non poco su questo stato di cose.