Statali, raffica di scioperi contro la manovra

I dipendenti pubblici incrociano le braccia contro la Finanziaria. L'agitazione parte venerdì con tutte le categorie, compresi i medici, veterinari, infermieri e amministrativi. Sabato la scuola, lunedì università e ricerca

Roma - Fine settimana all’insegna di scioperi e manifestazioni nel settore pubblico. Si comincia venerdì 26 con lo sciopero di 8 ore indetto da Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Fpl Uil-Pa di tutti i dipendenti pubblici, compresi i 700 mila medici, veterinari, infermieri e amministrativi. Lo sciopero sarà accompagnato da una manifestazione che si terrà a Roma. Sabato 27 sarà la volta del personale della scuola docente e non docente con lo sciopero di tutta la giornata indetto da Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola.

Lunedì 29, infine, sciopererà per l’intera giornata il comparto Università e Ricerca. Lo ricordano le organizzazioni sindacali in una nota in cui si ricorda che alla base delle proteste ci sono gli impegni disattesi dalla Finanziaria 2008 in cui non si rispetta quanto pattuito con la firma del Memorandum per il rilancio del settore pubblico e non è previsto alcun finanziamento per il rinnovo del Contratto collettivo 2008-2009. Ciò, sottolineano Cgil, Cisl e Uil, aggrava ulteriormente la questione salariale determinata anche dal mancato rinnovo del contratto collettivo 2006-2007 per la gran parte dei lavoratori pubblici.

Anche i lavoratori della scuola con lo sciopero di sabato rivendicano una Finanziaria equa e giusta che garantisca risorse economiche adeguate per il rinnovo del contratto di lavoro del biennio 2008-2009, nonchè interventi fiscali a favore del lavoro dipendente e una netta inversione di tendenza a favore di organici del personale docente e non, funzionali al diritto allo studio degli studenti e alla qualità dell’offerta formativa della scuola pubblica statale. In occasione dello sciopero del 26 è prevista una manifestazione nazionale a Roma che inizierà alle 10 con un corteo che partirà da piazza della Repubblica, per concludersi a Piazza San Giovanni in Laterano dove ci sarà il comizio dei tre Segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Guglielmo Epifani, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti.

Anche per sabato i sindacati di Cgil, Cisl e Uil scuola hanno indetto una manifestazione, sempre a Roma, con corteo che inizierà alle ore 14 muovendo da Piazza Bocca della Verità per concludersi a piazza Navona, dove terminerà con gli interventi di Enrico Panini, segretario generale Flc-Cgil, Paolo Pirani, Segretario confederale Uil e con le conclusioni di Raffaele Bonanni. Lunedì 29 ottobre, infine, in occasione dello sciopero di tutta la giornata, il comparto Università e Ricerca di Cgil, Cisl e Uil, dalle 10 si mobiliterà in un presidio presso il Ministero della Funzione Pubblica.