Statali, salta l'incontro con il governo, è scontro. Angeletti: "Sciopero confermato"

Si riaccende lo scontro sul rinnovo del contratto e sull'aumento di 101 euro. Il vertice si farà lunedì. Letta dice: "Rinvio tecnico". Ma il segretario della Uil Angeletti lo smentisce: "Non sono ancora pronti a trattare"

Roma - Il governo non è ancora "nelle condizioni di chiudere" la partita sul rinnovo del contratto degli statali, per questo lo sciopero del 1 giugno resta confermato. Ad affermarlo è il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, a margine dell’assemblea annuale della Confindustria. "Il governo non è pronto a fare un accordo - ha detto Angeletti - non è nelle condizioni di chiudere, non c’è consenso al suo interno sulle modalità di reperire le risorse. Lo sciopero, quindi, si farà". Secondo Angeletti le giustificazioni fornite dal governo sul rinvio del tavolo sono "giustificazioni che non giustificano". In realtà, ha aggiunto, la riunione "non era stata convocata formalmente". A chi ipotizzava che tra i motivi del rinvio potessero esserci le elezioni amministrative di domenica e lunedì, Angeletti ha risposto: "Se fossero le amministrative la motivazione, sarebbe curioso".

Saltato l'incontro governo-sindacati È saltata la riunione di questa sera a Palazzo Chigi tra governo e sindacati sul rinnovo contrattuale del pubblico impiego. L’incontro di oggi doveva essere risolutivo per la vertenza degli statali. Domenica scorsa si era svolta una riunione presieduta dal presidente del Consiglio, Romano Prodi, il vicepremier Massimo D’Alema, Francesco Rutelli e il ministro dell’Economia Tommaso Padoa Schioppa dalla quale era emersa la volontà di andare ad una stretta. Il nodo ancora non sciolto è quello che riguarda l’aumento retributivo e la platea dei lavoratori da considerare. I sindacati chiedono un aumento di 101 euro e il governo in cambio ha proposto un allungamento dei prossimi contratti da due a tre anni per gli aspetti economici.

Nessun mistero Non c’è nessun mistero sul rinvio a lunedì prossimo dell’incontro. È quanto viene precisato in ambienti di Palazzo Chigi. Negli stessi ambienti si ricorda che i leader sindacali sono ora impegnati nel vertice europeo a Siviglia. E proprio per consentire la loro presenza all’ incontro con il governo, è stato concordemente deciso di rinviare a lunedì il vertice con l’obiettivo di chiudere positivamente. Poi, in serata, arriva la conferma dalla presidenza del Consiglio: l'incontro sul rinnovo del contratto degli statali si svolgerà lunedì a Palazzo Chigi tra il premier Prodi e i rappresentanti dei sindacati.