Stati Uniti in cerca di rivincita

Tocca alla Serbia difendere il titolo mondiale nella rassegna giapponese: a Indianapolis, nel settembre 2002, gli jugoslavi superarono in finale l’Argentina, epilogo di un torneo che aveva visto crollare al sesto posto gli Usa, padroni di casa. Gli americani non avranno Kobe Bryant, la stella dei Los Angeles Lakers, che si è fatto operare a un ginocchio, tuttavia l’organizzazione Usa si è irrigidita con i giocatori per evitare nuove disavventure. Ma l’Italia non dovrà vedersela solo con gli americani. Prima ci aspettano la Cina di Yao Ming, se è vero che i problemi fisici della torre degli Houston Rockets stanno risolvendosi, la Slovenia che è una nostra bestia nera e il Senegal, che ha prodotto giocatori per la Nba e il campionato di Francia. Ultima avversaria sarà Portorico. Nel girone A Argentina e Francia sgomiteranno con la Serbia; nel B attenzione alla Spagna e alla Germania di Dirk Nowitzki, il colosso biondo dei Dallas Mavericks che ha solo sfiorato, poche settimane fa, il suo primo titolo Nba; il gruppo C propone la Grecia campione d’Europa in carica. E poi, naturalmente, ci sono le squadre-curiosità come Giappone, Qatar o il Libano, che nei giorni scorsi ha dovuto sospendere gli allenamenti a causa della drammatica situazione del Paese. Alla seconda fase passano le prime quattro di ciascun girone, poi scatta il tabellone a eliminazione diretta. \