Gli Stati Uniti: «Italia, grazie del sostegno»

L’Unione europea è pronta a soccorrere gli americani colpiti dall’uragano Katrina, anche con riserve di petrolio: è quanto hanno ribadito i responsabili europei riuniti a Newport (Galles) per un consiglio informale dei ministri degli Esteri. Anche il ministro degli Esteri francese, Philippe Douste-Blazy, ha chiarito che la Francia è «pronta a mobilitare i mezzi» di aiuto agli Usa in base alle loro richieste. «Le proposte sono state trasmesse alle autorità americane e attendiamo una risposta», ha detto il ministro francese. L’Italia, tramite il ministro delle Attività produttive, Claudio Scajola, su indicazione del presidente del Consiglio, ha deciso di mettere a disposizione degli Usa una parte delle nostre scorte petrolifere strategiche. E da Pisa sono pronti a partire due aerei C-130-J dell’Aeronautica militare con un ospedale da campo, forniture mediche, tende generatori di energia, pompe e sistemi di depurazione delle acque. E gli Stati Uniti ringraziano l'Italia per il «generoso sostegno» prestato alle vittime dell'uragano Katrina: «Ringraziamo il governo e il popolo italiani per averci mostrato un livello di sostegno così alto, in un momento così doloroso per il nostro Paese», ha detto Tom Casey, portavoce del Dipartimento di Stato. La Russia si appresta invece a partecipare con quattro aerei della Protezione civile (due cargo e due passeggeri) alle operazioni di soccorso per New Orleans.