Stati Uniti Il Pil non decolla nel terzo trimestre (+2%)

Continua a dominare un atteggiamento di cautela sui mercati Usa in attesa di due grandi appuntamenti: le elezioni di medio termine, in calendario per il 2 novembre, e la riunione del 3 novembre della Fed. Inoltre, la cautela è dettata anche dagli ultimi dati macro pubblicati, in particolare quello sul Pil del terzo trimestre 2010. Secondo la prima stima, tra luglio e settembre l’economia è cresciuta del 2% rispetto allo stesso periodo del 2009, un po’ meno delle attese (+2,1%), ma meglio rispetto ai tre mesi precedenti (+1,7%). Il ritmo di sviluppo non è comunque sufficiente per far calare la disoccupazione, al 9,6%. Barack Obama non è infatti soddisfatto: «La nostra missione è accelerare la ripresa economica e la creazione di posti di lavoro». Gli occhi degli investitori restano comunque puntati sui nuovi stimoli che verranno decisi dalla Fed. La banca centrale Usa dovrebbe annunciare un piano di acquisto di titoli di Stato per alcune centinaia di miliardi di dollari nell’arco di diversi mesi.