«Lo Stato dimentica i caduti in Somalia»

S ono il padre di Andrea, soldato italiano caduto in Somalia il 2 luglio 1993 (medaglia d'oro al valor militare). Da otto (dico otto) anni sto aspettando che venga eseguita in maniera completa la sentenza della Corte dei conti numero 528 del 1999 che mi riconosceva il diritto all’assegno annesso alla medaglia d’oro al valor militare concessa a mio figlio (circa trecento euro mensili).
Ebbene, nonostante abbia ricevuto per iscritto assicurazioni positive dal consigliere militare dell’allora presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, non riesco a ottenere quanto disposto dalla sentenza.
Ogni volta che telefono al dipartimento provinciale del ministero dell’Economia e delle Finanze, mi trovano delle nuove scusanti. A chi mi devo rivolgere per ottenere giustizia?
A tutto questo devo aggiungere le leggi 206 del 3 agosto 2004 e 91 del 20 febbraio 2006, fatte esclusivamente per i caduti di Nassirya e Kindu, dimenticando in maniera vergognosa tutti gli altri caduti. Pochissimi giornali hanno fatto notare questa discrepanza.
«Non vi lasceremo mai soli», ci avevano detto nel 1993. A voi le dovute considerazioni.