La statua di Carlo Porta, l’antico Verziere e la colonna «Infame»

In piazza dei Mercanti c’è la statua del poeta Ausonio (IV secolo) e al parco delle Basiliche, p.zza Vetra, quella di San Lazzaro: qui, molti nei secoli gli impiccati; a metà del 1345 si ricorda Cicca Berlicca (è rimasta nella memoria una filastrocca col suo nome). E ancora, la storia di Giangiacomo Mora: nel 1630 accusato di avere propagato la peste, fu torturato. E al posto della sua casa venne eretta una colonna, detta «Infame» (vicende descritte da Alessandro Manzoni). Da vedere anche il Verziere - largo Augusto - e il monumento a Carlo Porta (piazza Santo Stefano), inaugurato nel 1966.