Le stazioni vietate ai disabili

Si parla tanto di reti metropolitane future e sarebbe da augurarsi che quelle attuali facessero da guida e da insegnamento per le prossime. Vogliamo qui sottolineare come vi siano delle deficienze incredibili e inammissibili nel nostro sistema sotterraneo. In primo luogo quella degli accessi per i disabili, vale a dire che molte e molte fermate sono dotate sì di montascale ma parecchie di quelle esistenti non funzionano, senza per questo vi sia un cartello o un'indicazione dell'inconveniente.
Un problema che richiede una soluzione più che urgente per una categoria che purtroppo è più vasta di quanto si pensi, per non parlare di chi ha bisogno anche solo di un bastone o di un carrellino per muoversi. Ma non basta.
Esiste anche quello degli ascensori. Forse nei lontani tempi della costruzione della rete certe necessità non erano così presenti nella società, ma oggi, questi ascensori spesso con accessi in cunicoli, dalle porte cieche, rappresentano un pericolo non da poco per aggressioni e rapine, e se si osserva chi li utilizza, nel caso che si trovino poi in funzione, evita accuratamente di trovarsi con poche persone nella cabina, preferendo così utilizzare le scale.