Stefania Okaka, la regina del volley, ha un fratello romanista

La promettente storia di Stefano Okaka, il più giovane giocatore della Roma, si arricchisce di un altro interessante capitolo, quello della sorella gemella Stefania, nata a Castiglion del Lago (Pg) il 9 agosto 1989, dai genitori nigeriani Austin e Doris. La famiglia Okaka si trasferisce in Veneto perché Stefano è ingaggiato dal Cittadella, mentre Stefania trova nel volley l’attitudine (martello è il suo ruolo) e viene presa dal Vicenza Volley nel 2002. A Vicenza Stefania gioca una stagione. Infatti, mostrando grande abilità, viene chiamata dal Club Italia. Si trasferisce a Ravenna, sede del Club Italia, che è la squadra di club della Nazionale che ogni anno chiama le migliori giovani d’Italia e partecipa al campionato di B1. Stefania, seppur militante nel Club Italia, rimane legata ai fini del tesseramento al Vicenza Volley. Ha, però, in mano un accordo con il Vicenza Volley che la vincola per una sola stagione. Da qui inizia la querelle, che si risolve dopo tre gradi di giudizio presso la Fipav. A marzo 2007 Stefania firma per la Virtus Roma del presidente Claudio Toti, il patron della Virtus basket e titolare della squadra femminile di volley (società militante nel campionato di A2). Il 17 maggio 2007 Stefania esordisce in maglia Virtus disputando la finale regionale juniores. Stefania è devastante e la Virtus travolge la Fonte Meravigliosa 3-1. Adesso l’attenzione è rivolta alle finali nazionali e ai mondiali juniores, con la Okaka come fiore all’occhiello.