Stefano De Lillo: «Con Cuore Azzurro per rilanciare tutto il centrodestra»

Stefano De Lillo*

Ho deciso di sostenere Cuore Azzurro, formato da giovani, militanti, appassionati e fedeli a Silvio Berlusconi. Ho deciso di farlo perché credo che l’esperienza di Forza Italia debba continuare a fare scuola, recuperando soprattutto lo spirito movimentista dei suoi esordi, quando si rivelò fin da subito come lo spazio politico che i moderati aspettavano. Cuore Azzurro si è messo a disposizione di Forza Italia per recuperare quello slancio: per questo credo che debba essere sostenuto e ne traccio le linee essenziali. Obiettivi di Cuore Azzurro sono formare e lanciare i giovani nella politica, radicarsi nel territorio, affermare le radici giudaico-cristiane della nostra cultura, rilanciare Forza Italia partendo dall’esperienza e dall’esempio del Presidente Silvio Berlusconi. Chi milita in Cuore Azzurro crede che sia necessario recuperare chi vuole partecipare in prima persona alla costruzione di un’alternativa reale alle politiche del centrosinistra: le pur comprensibili conseguenze interne relative alle vicende elettorali non devono far perdere ai moderati lo slancio per il rinnovamento del modo stesso di fare politica impresso da Silvio Berlusconi alla politica italiana. È necessario riaggregare le forze e le capacità di fare che la complessa fase post-elettorale può scoraggiare. È necessario, anzi imperativo lavorare per la rivincita dei moderati e il rilancio delle forze migliori del Paese. È necessario dare forza a Forza Italia e al Presidente Silvio Berlusconi perché sia questo il centro del partito unitario che dovrà contrapporsi a quelli della sinistra, un centro che aggreghi anziché dividere ma soprattutto che valorizzi le energie migliori per dare alla rappresentanza nazionale tutta la forza dei militanti sul territorio, la forza della base, la forza dei moderati, la forza della gente. Su tutto questo è impegnato Cuore Azzurro. Credo che questo movimento-nel-movimento vada sostenuto perché l’alternativa al centrosinistra va costruita fin da subito, a partire dal lavoro di opposizione, dal confronto politico con le maggioranze ma anche dalla costruzione di quella fiducia con tutti coloro che non si riconoscono nel centrosinistra che ci consenta di tornare a vincere. C’è bisogno non solo di interrogarsi sugli esiti delle ultime elezioni ma anche di ricominciare a costruire e Cuore Azzurro è in prima linea per farlo.
(*)Vicecapogruppo di Forza Italia alla Regione