Le stelle in jazz del festival di Atina: da Wynton Marsalis ad Al Jarreau

Nella cittadina ciociaria torna per la ventiseiesima volta la kermesse musicale che riunisce nel borgo sannitico assoluti fuoriclasse della grande musica italiana e internazionale. Sul palco saliranno, tra gli altri, anche Rita Marcotulli, Fabrizio Bosso, Danilo Rea, Enzo Pietropaoli. Senza dimenticare gli Incognito.

E' un piccolo miracolo che si ripete da 26 anni, il Festival Jazz di Atina. Qui, nella cittadina sannitica della Ciociaria, in provincia di Frosinone, va in scena una delle più longeve manifestazioni musicali estive, una di quelle in grado di farsi spazio nel vitalissmo orizzonte delle kermesse jazzistiche del Belpaese e reinventarsi ogni anno, come avverrà ad esempio quest'anno attraverso un originale accoppiamento con le perfomance dei writers e il concorso Jazz&Graffiti.
Una jam session allargata che vedrà confondersi i ritmi sincopati del jazz con i colori dei writers e gli immancabili sapori dei prodotti tipici locali. Ma al di là delle trovate creative degli organizzatori, è soprattutto il calendario degli appuntamenti a colpire per completezza e ricchezza di spunti. Atina Jazz 2011 prenderà il via il 21 luglio con Giovanni Guidi e la sua Unknown Rebel Band, che darà l'inizio ufficiale ai concerti nella storica Piazza Marconi. Sarà poi la volta del concerto di Rita Marcotulli e Rocco Papaleo con il loro progetto «Basilicata is on my mind» in cui verranno eseguite dal vivo le musiche del pluripremiato film «Basilicata coast to coast», diretto ed interpretato dallo stesso Papaleo,fil grazie al quale Rita Marcotulli ha vinto il David di Donatello come miglior colonna sonora.Sul palco con Rita Marcotulli e Rocco Papaleo anche alcuni dei grandi interpreti del jazz italiano: Fabrizio Bosso, Luciano Biondini, Furio Di Castri e Roberto Gatto. Ma anche l'improvvisazione e i racconti autobiografici dello stesso Papaleo. Sabato 23 luglio, un evento doc per il piacere di tutti gli appassionati: sul palco di Atina Jazz salirà uno dei mostri sacri del panorama jazz internazionale il trombettista Wynton Marsalis con the Lincoln Center Jazz Orchestra. Domenica 24 luglio sarà la volta del quartetto di Franco D'Andrea, pianista Italiano, nominato nel 2010 dall'Accademia di jazz di Francia miglior musicista europeo. Si passa poi al 28 luglio con uno dei migliori pianisti di scuola cubana in circolazione: Hilario Duran. L'appuntamento culmine è però quello di Venerdì 29 luglio quando nel borgo ciociaro salirà sul palco un'altra leggenda della musica: Al Jarreau, unico cantante ad aver vinto tre Grammy Award in tre diverse categorie: jazz, pop, and R&B. Vocalist moderno capace di esplorare con la voce tutte le timbriche, su ritmi swing, pop, jazz e R&B con il suo mitico scat. Sabato 30 luglio cambio di scena e di genere con l'arrivo degli Incognito, ovvero la formazione considerata la più rappresentativa del genere acid-jazz. l'atto conclusivoi si consumerà, invece, domenica 31 luglio con un doppio concerto: prima l' Enzo Pietropaoli Quartet, formato da Enzo Pietropaoli,contrabbasso,Fulvio Sigurtà, tromba, Julian Oliver Mazzariello, pianoforte e Alessandro Paternesi, batteria. A seguire il trio del pianista Danilo Rea con Ares Tavolazzi ed Ellade Bandini, con un omaggio ai Beatles. Una sorta di bis «fuoricasa» sarà invece quello del 5 agosto, in provincia di Isernia, a Castelpetroso, con il concerto di Mario Romano quartet. Per due settimane, insomma, nella cittadina di Atina, in un territorio ricco di storia a due passi dal Parco nazionale d'Abruzzo e dall'Abbazia di Montecassino, risuoneranno note nobili e incontri in jazz. Per il piacere dei turisti e degli appassionati della buona musica.