La stessa Samp di San Siro

Paola Balsomini

Francesco Flachi, questa sera, ci sarà. È questa, paradossalmente, la novità più importante nella formazione che alle ore 20.30 scenderà in campo al Ferraris contro l'Udinese. Era infatti attesa per ieri la sentenza sul caso scommesse che vede coinvolto il numero dieci della Sampdoria, ma la Commissione Disciplinare ha ancora rinviato la decisione, che a questo punto arriverà soltanto nelle prossime ore. In realtà, se il giocatore fosse stato squalificato ieri (la richiesta del pm è stata di quattro mesi di inibizione dai campi da gioco per violazione dell'articolo 1) si sarebbe potuto aprire un vero e proprio caso giuridico, visto che devono passare 24 ore dalla pubblicazione delle motivazioni. E Flachi questa sera avrebbe comunque potuto esserci. Ogni problema è stato così, almeno momentaneamente, risolto, visto che questa sera Flachi sarà ancora in attesa di giudizio e solo domani si affronterà il problema di un'eventuale squalifica. «Avevo paura che Francesco - spiega Novellino - scendesse in campo a San Siro senza quella necessaria tranquillità, invece ha fatto una grandissima partita e sono convinto che tutta questa vicenda si risolverà nel migliore dei modi».
Nel frattempo, rincuorato per aver ritrovato il suo bomber, Novellino sembra intenzionato a rimandare in campo la formazione che ha fermato l'Inter a San Siro. Il tecnico blucerchiato ha provato a mescolare un po' le carte: «Non bisogna criticare troppo Falcone - spiega - e non si può nemmeno dimenticare che ha subito due interventi consecutivi. È necessario dargli ancora un po' di tempo ma anche con l'Udinese ci sarà molto utile». La difesa cambia ancora? In verità sembra difficile che l'allenatore blucerchiato decida di dividere la coppia Sala-Palombo, e soprattutto che cambi la disposizione di Maggio a destra e Zenoni a sinistra. Così come sembra improbabile una variazione del centrocampo, con il solo innesto di Delvecchio, al rientro dalla squalifica, al posto dell'infortunato Parola, che ieri è anche stato operato alla mascella e che rischia un mese e mezzo di stop. Gli esterni infatti non cambieranno e, nonostante l'opaca prova contro l'Inter, sarà confermato Olivera: «Ha bisogno di giocare e sono convinto che farà bene, ho molta fiducia in lui».
Tre partite in otto giorni, ma questo non sembra preoccupare Novellino: «In questo momento va bene anche giocare qualche partita in più, ma non saranno gare facili. Il punto strappato all'Inter è stato importante per darci un po' di morale e affrontare con più serenità proprio queste due sfide. Ma l'Udinese è un'ottima squadra, ha un allenatore preparato e giocatori che fanno la differenza. Verticalizzano molto e dobbiamo essere bravi a fermare gli uomini chiave».
Prima la sfida del Ferraris, poi Ascoli al Del Duca (i biglietti saranno messi in vendita a partire dalle ore 10 di mercoledì e fino alle ore 19 di venerdì. I tagliandi potranno essere acquistati solo presso il "Sampdoria Point" di Via Cesarea 107/109 r. al prezzo di € 14 più diritti di prevendita). Due gare in cui è necessario fare punti per trovare quella serenità necessaria ad affrontare, domani, il caso Flachi. Ma questa è un'altra storia e fermare il record di vittorie mancate sarebbe già un buon punto di partenza.