Lo stile di gestione del gruppo è basato sulla continua ricerca del ritorno assoluto. Il posizionamento sul mercato del private banking di fascia alta Banca Albertini Syz, piano di sviluppo Nel programma triennale 2007-2009 c’è il rafforzamento della s

Banca Albertini Syz nasce nel novembre del 2003 dalla trasformazione di Albertini Syz Sgr e nel giro di pochi anni è diventata una importante realtà del private banking. Dal 2002, anno in cui si è costituito il gruppo Albertini Syz, la massa in gestione è infatti passata da 1.042 a 2.000 milioni e il personale ha superato le 50 unità. Syz &Co e Albertini Syz amministrano e gestiscono oltre 15 miliardi di patrimonio con uno staff di oltre 300 professionisti. Il gruppo è operativo nel wealth management attraverso le gestioni patrimoniali discrezionali, i fondi alternativi, per gestire i quali è stata costituita Albertini Syz Investimenti Alternativi Sgr, e le Sicav tradizionali, che operano sul mercato con il marchio Oyster Funds e che sono articolate in 18 comparti d'investimento specializzati. Le favorevoli performance ottenute, hanno contribuito a posizionare i fondi hedge Albertini Syz (Innovation, Multistrategy e Long Shrot Equity) ai vertici delle classifiche dei fondi di fondi hedge stilata da MondoHedge. Proprio MondoHedge ha premiato il fondo Albertini Syz Innovation come miglior fondo 2006 della sua categoria con un risultato netto su 12 mesi del 9,39%. Lo stile di gestione del gruppo, basato sulla costante ricerca del ritorno assoluto, e non su una gestione che punta a superare un indice di mercato (benchmark), è coerente con la scelta di posizionamento effettuata sul mercato del private banking di fascia alta.
Banca Albertini Syz, con l’ok al piano triennale 2007-2009, ha avviato un importante progetto di sviluppo dimensionale che segue diverse direttrici. La prima delle quali prevede il rafforzamento della struttura organizzativa centrale, con l’ingresso di Daniele Piccolo, 44 anni, nuovo vicedirettore generale di Banca Albertini Syz con il compito di guidare la banca nel percorso di crescita assumendo la responsabilità delle sviluppo dell’istituto di credito, dei prodotti di Private Banking e della comunicazione.
Altrettanto rilevante è poi l’ingresso di nuovi private bankers: in dicembre hanno infatti fatto il loro ingresso Mario Vaccarino e Luca Lambrugo, provenienti da Intesa, e a febbraio è stata la volta di Federico Bernardinelli, da Banca Leonardo, che portano la struttura di private bankers a 18 professionisti. Lo sviluppo dei prossimi tre anni passa poi per la progressiva penetrazione del mercato dei clienti istituzionali. L’ingresso, a inizio 2006, di David Basoli. Come responsabile commerciale ha infatti il compito di accrescere l’interesse per i prodotti alternativi presso gli investitori istituzionali italiani, i family office e gli High Net Worth Investors (i cosiddetti HNWI). Nel corso del 2006 le masse gestite da Albertini Syz Investimenti Alternativi Sgr sono cresciute più del 100% attestandosi a quota 244,655 milioni di euro al 31 dicembre 2006. Anche l'ampliamento dei locali della propria sede, situata in via Borgonuovo a Milano, si inserisce in questo progetto di espansione del gruppo che, inoltre, prende in considerazione la possibile futura apertura di nuove filiali.