Lo stile retrò

Alla fine degli anni Novanta, il Cantiere Austin Parker avviò, tra i primi in Italia, la produzione di lobster in perfetto stile retrò. A distanza di dieci anni, il rilancio del brand avviene in grande stile con la produzione di una linea di imbarcazioni innovative sul piano del design e con l’impronta retrò che le ha rese famose. La progettazione, affidata a un «nume» del design italiano, Fulvio De Simoni, ha prodotto risultati all’altezza delle aspettative. I progetti della nuova linea di imbarcazioni mettono in evidenza uno studio accurato e uno straordinario equilibrio di linee fra lo stile deciso delle classiche «lobster boat» e il gusto moderno e raffinato dell’armatore più esigente. Il risultato è un prodotto di classe made in Italy, con attenta cura del particolare, progettazione meticolosa, selezione di fornitori di assoluta eccellenza come Poltrona Frau e Boffi Cucine; prestazioni ottenute con un dosato equilibrio fra motorizzazione e linee di carena che rendono affidabili le imbarcazioni Austin Parker, mantenendo intatto il senso di sicurezza delle originali e infaticabili barche da lavoro del Maine.
La mente e il motore di questa operazione, lanciata in un momento di grande difficoltà del mercato nautico, è un gruppo imprenditoriale costituito da esperti del settore e grandi appassionati di nautica, inclini alle grandi sfide che in un tempo relativamente breve e con un notevole dispiego di mezzi hanno dato vita a una gamma di quattro modelli. Dopo il varo dell'Austin Parker 42 Open (settembre del 2009), una barca dallo stile fortemente caratterizzato, pensata per chi è alla ricerca di uno scafo con cui distinguersi, il cantiere si è concentrato infatti sullo sviluppo degli altri modelli e oggi a distanza di poco più di un anno presenta ben 3 nuove imbarcazioni: il «42 Sport», il «52 Open», il «72 Fly» e un totale di 12 nuovità. Il risultato, tangibile e concreto, è un saggio di efficienza e capacità manageriali, fra tradizione e innovazione, supportati dal successo del prodotto realizzato.
Contestualmente alla crescita del prodotto è stata data grande attenzione all’immagine di Austin Parker con la presenza ai più importanti saloni nautici.
Un progetto industriale globale che non ha lasciato nulla al caso, seguito e monitorato da uno staff operativo appassionato e professionale ad affrontare l’impegnativa sfida del mercato, e capace di aprire uffici commerciali in Spagna, Germania, Egitto, Asia, Honk Hong, Australia.
I progetti continuano a essere ambiziosi tanto che il 2011 vedrà un programma intenso che si concretizzerà nei vari dei nuovi modelli «52 Fly» e «62 Fly» destinati ad aprire nuovi mercati.
Austin Parker «52 open» è l’ultimo varo del cantiere, presente al 50° Salone Nautico Internazionale di Genova e al 49° Salone Nautico di Barcellona.
Lo stile inconfondibile delle «aragostiere» del New England, trova una evoluzione naturale in un progetto che vede lo stile «lobster» come un modo esclusivo di concepire la navigazione da diporto: «Austin Parker 52», disegnata da Fulvio De Simoni, si presenta così con soluzioni innovative, come la poppa ad apertura idraulica, l’ampio pozzetto in continuità con la piattaforma bagno e l’hangar per il ricovero del tender (un gommone con propulsione a idrogetto).
La motorizzazione e il perfetto equilibrio delle linee di carena portano a una velocità massima di 34 nodi (28 quella di crociera). L’elegante hard top crea un ambiente accogliente e vivibile protetto da una chiusura vetrata con porta scorrevole, che lo separa dal pozzetto.