Stipendi Pd? Carta straccia

Acque agitate in casa Pd sulla spinosa questione di finanziamenti, sedi e centinaia di dipendenti Ds e Margherita, che dal 30 giugno sono senza contratto e dovrebbero passare a carico del Pd. L’accordo su chi paga quanto e cosa sembra ancora lontano, tanto che ieri sul tema si è svolto un vertice a Montecitorio, presente Veltroni e tutti i capicorrente. Ugo Sposetti, mitico - e a volte brutale - tesoriere Ds, litiga quotidianamente con l’amministratore Pd Mauro Agostini, che nicchia sugli stipendi. E perde spesso la pazienza: «Ah sì, questa è la richiesta del Pd?», è sbottato l’altro giorno. «Mettimela per iscritto su un bel pezzo di carta, così saprò che uso farne...». Metaforicamente parlando, si spera.