A Stoccolma balzo di Tele2

La Borsa di New York è da giorni impegnata a valutare i risultati delle semestrali, ed i titoli interessati hanno subito anche ieri forti oscillazioni nei due sensi, mentre scarsa influenza ha avuto sul mercato il dato negativo della fiducia dei consumatori ed il nuovo sprint del greggio. In rialzo Netflix (più 18%) ed Avaya (più 17%); più contenute le performances di Texas Instruments (più 5,6%) e Lockheed Martin (più 2,3%). Di segno opposto Lexmark che scivola del 12%, mentre Dupont limita il calo al 6%. In Europa ancora strascichi a Parigi sul caso Danone che guadagna oltre il 4%, nonostante le smentite ufficiali da parte del presunto raider Pepsi. Realizzati i titoli dell’auto, con Renault e Peugeot che perdono intorno all’1,5%. A Francoforte penalizzata Bmw (meno 1,7%), mentre a Stoccolma nuovo interesse per Tele2 (più 11,4%) per la pubblicazione dei risultati superiori alle stime. A Londra brillaYell (più 4,2%) l’editore delle pagine gialle inglesi.