Stoner si prende la pole Rossi si tiene i soliti guai

Il primo obiettivo utile Vale l’ha ottenuto: nono tempo, terza fila e Ducati raddrizzata dopo la partenza storta nelle libere del venerdì. Quelle che gli avevano fatto dire «non va mica tanto bene». Quelle, va aggiunto, che l’avevano visto sì dodicesimo però senza mai usare le gomme morbide (risparmiate per la qualifica di ieri) come fatto invece da tutti gli altri eccetto sua immensità Casey Stoner. Che non a caso venerdì era decimo e che non a caso ieri era in pole con la sua Honda davanti a un plotone di Yamaha capitanato da Lorenzo. Fatto sta il Vale, dopo aver abbandonato il forcellone in carbonio usato venerdì per tornare a quello in alluminio, ha detto: «Sono piuttosto contento perché abbiamo migliorato l'assetto della moto e ci ritroviamo in terza fila, ovvero obiettivo raggiunto». E ha aggiunto: «Il passo gara mi soddisfa, in quanto mi ha permesso di girare discretamente, con un ritmo costante nonostante avessi delle gomme usate». Quest’ultimo è un concetto parecchio importante visto che il Vale, a Barcellona, arriva dal secondo posto di Le Mans uggiosa e bagnata e visto che qualche sana buona speranza di un altro Gp in umido c’è anche in Catalogna. Ha concluso infatti: «Secondo le previsioni meteo potrebbe piovere e naturalmente noi sul bagnato andiamo meglio». Per la verità il Vale ha parlato anche di mercato e del prossimo campionato: «Per il momento non mi sono ancora mosso, mi sto impegnando per essere veloce con la mia moto. La crisi economica? Io non credo che sarà un problema. In questi anni ho guadagnato molti soldi, per cui ho margine». Come dire: cari Honda e Yamaha sono pronto a prezzi discount?
Quanto a coloro che hanno fin qui dominato e che con ogni probabilità faranno il bello e cattivo tempo anche per il resto della stagione, c’è Stoner che si lamenta sempre del chattering («ritorna appena tocco la manopola del gas e questo complica molto le cose, dobbiamo fare un altro passo in avanti prima della gara») però è in pole per la quarantesima volta in carriera giusto per sottolineare quanto ci tenga ad annullare gli otto punti che lo separano da Lorenzo leader del mondiale. E’ c’è Lorenzo pronto a tutto per sbugiardarlo in casa. Il mondiale è sempre più cosa loro. Con molta nostalgia. Anche perché a Barcellona un anno fa in pole c’era lui, il grande Sic.