Stop alle auto sporche per altri due mesi

Letizia Moratti ritrova la sua squadra. È stato un percorso a ostacoli, ma è riuscita a convincere tutta la Cdl che la sua strategia contro traffico e smog è buona, e vale la pena provare a metterla in atto senza farsi la guerra in aula. È passata col voto di tutti i consiglieri di maggioranza ieri in aula la mozione che impegna sindaco e giunta a mettere in atto praticamente il piano su cui già stanno lavorando. Bocciato invece l’ordine del giorno dell’Unione che chiedeva tra l’altro l’introduzione delle targhe alterne. Dalla Commissione europea un messaggio di apprezzamento all’ordinanza firmata dal sindaco per bloccare 12 ore le auto più inquinanti. In consiglio si scatena l’Unione, sostiene che il documento non ha alcun valore ufficiale, ma la Moratti non da voce alle polemiche: «L’apprezzamento ricevuto ci dice che stiamo seguendo la strada giusta» e anticipa «avanti fino al 15 aprile». L’assessore Croci conferma che «nei primi giorni del blocco il pm10 è calato in media del 15%». Il ticket non ha ancora una data certa, e la previsione di bilancio in cui si conta di guadagnare nell’anno solo 5 milioni di euro dice che non verrà applicata tanto presto. «Ma è solo un dato prudenziale - sostiene Croci -. Saremo a regime ad ottobre».