La storia degli sposi "gemelli" Uniti dal destino anche nella fine

Ugo e Annalisa hanno trascorso la vita insieme a Ponteramica, nel Bergamasco. Tre figlie, molto religiosi, erano nati nel '47 a soli due giorni di distanza. Colpiti dalla stessa malattia: lui se n'è andato la mattina, lei la sera. Ora il funerale in comune

Chi ama davvero non vorrebbe vivere nemmeno un attimo più dell'amato. Per Ugo e Annalisa, che si sono amati davvero, soltanto una mezza giornata di distacco. Prima se n'è andato lui, intorno alle otto del mattino, quasi in avanscoperta, quasi a preparare il nuovo nido. La sera, quando già la solitudine sembrava diventarle insopportabile, lei l'ha seguito e l'ha raggiunto. Di nuovo insieme, come sempre. Stavolta davvero per sempre.

Chi ama davvero vorrebbe vivere, gioire, soffrire e poi persino morire al fianco dell'amato. Che parole melense, che pensieri da Bacio Perugina: chi non ama davvero, certo ci sghignazzerà. Ecco, la storia di Ugo e Annalisa non è cosa per quest'ultimo genere di umanità, dato il misterioso e indecifrabile alone di travolgente poesia che l'accompagna dall'inizio alla fine.

È già svelata, questa fine: un funerale senza troppi orpelli nella chiesa parrocchiale di Ponteranica, il loro paese, alle porte di Bergamo. Anche il funerale come tutto il resto, riassunto nella parola di sempre: insieme. Una bara vicina all'altra, molto vicina, davanti al prete, che li riconsegna nelle mani di Dio, perché li abbia in gloria. Nei primi banchi, sostenuti dal calore di una folla d'amici, tre figlie e un nipotino, ragioni stesse del loro matrimonio davvero unico e davvero indissolubile.

Uniti finché morte non vi separi. Se l'erano giurato, sempre davanti a un prete, nel 1974. Aprile anche allora, il giorno venti. Già quella volta sembra a tutti che questo legame abbia qualcosa di particolare. Di segnato e di predestinato. I due sposi hanno la stessa età, classe 1947, ma anche natali praticamente comuni: lui il 23 luglio, lei il 25. Chi ama davvero, evidentemente, non vuole vivere un attimo più dell'amato neppure all'inizio. Anche se ancora non lo conosce. Tra Ugo e Annalisa, solo due giorni di solitudine.

Il loro destino li osserva dall'alto, lasciando che crescano ciascuno nel proprio paese, a qualche chilometro di distanza. Ugo è di Ponteranica, Annalisa di Darfo Boario, in Valcamonica. L'incontro che svela i disegni superiori è programmato per quando sono nell'età degli amori. Ugo è un suonatore di basso, fa spettacolo nei locali del Bergamasco e del Bresciano. Un giorno sale con la sua band a Boario, proprio lì dove l'attende l'appuntamento della vita. Ad accoglierlo, tra il pubblico, la ragazza carina e romantica che sarà per sempre la sua.

Da quel giorno, insieme. È la parola magica che li accompagnerà lungo i sentieri del domani. Qualche tempo dopo si presentano insieme all'altare. Quindi, insieme mettono in cantiere tutti i progetti che due metà della stessa anima possono immaginare. Ugo è spirito d'artista. Esprime la sua inguaribile creatività mandando avanti locali pubblici. Oltre alla musica, ama dipingere. I suoi quadri girano per mostre. Lei è di temperamento diverso, trova soddisfazione nelle cose di casa, ma soprattutto nelle cose di mamma. Tre figlie arrivano ad animare l'atmosfera lieta di una famiglia riuscita.

Tutti i giorni, tra le soddisfazioni e le difficoltà, Ugo e Annalisa concretamente scoprono quanto giusto e vero sia il famoso giuramento: uniti nella buona e nella cattiva sorte, insieme, sempre insieme, finché morte non vi separi...

Tre anni fa nasce Tommaso, il nipotino che sconvolge il torpore dell'età che avanza. Avviandosi al bel traguardo dei sessant'anni, Ugo e Annalisa hanno tutto quello che serve per sorridere. Con questo stato d'animo accolgono i primi tramonti di quel caldo autunno riservato ai nonni felici.

Ma sta scritto nella loro storia incredibile che tutto debbano affrontare insieme, anche la cattiva sorte. La prima ad ammalarsi di quel male spietato è Annalisa. Ugo le sta vicino, se possibile la ama più di prima. Ma evidentemente deve sembrargli ancora niente. S'era detto insieme. Sempre, per qualunque cosa. Come fosse giusto e ineluttabile, anch'egli si ammala. Dello stesso male feroce.

L'ultimo anno li vede affiancati nella stessa battaglia, contro lo stesso nemico cinico e impietoso. Come sempre, si aiutano nella sofferenza fisica e nel tormento dell'anima. Tutti e due religiosi, pregano lo stesso Dio, perché almeno conceda consolazione. Nel segreto dei propri pensieri, certamente coltivano il grande sogno di tutti gli amori sinceri e generosi: chi ama davvero non vorrebbe vivere nemmeno un attimo più dell'amato. Nessuno sente la loro voce, ma certamente nel Cielo risuona lieve la tenerezza della loro supplica: Signore, ti prego, prendimi nella stessa ora. Non lasciarmi qui un minuto di più. Insieme, ancora insieme, fino all'ultimo respiro.

Sessant'anni dopo averli avviati insieme alla vita, trentaquattro anni dopo averli messi insieme nella stessa casa, il Creatore ascolta la preghiera e insieme li richiama. Lui si avvia qualche ora prima, di mattina presto, quasi a cercare l'angolo giusto di Paradiso, dove accoglierla di nuovo come una regina. Lei lo raggiunge quand'è sera, evitando di affrontare da sola il buio della notte. Adesso stanno di nuovo insieme, in una luce bellissima. Dove non c'è morte che li separi.