La storia del ladro più onesto d’Italia

Vincenzo Pipino è il ladro più onesto d’Italia. Rubava a Venezia quadri del Canaletto, e anche quelli di Picasso, Magritte, De Chirico, Kandinskij, Klee, Braque, Balla, Malevich... Insomma: 3.000 furti tra musei e abitazioni private, 50 gioiellerie svaligiate, una media di 30 quintali d’oro la settimana trafugati, 300 denunce, 15 condanne, un’evasione spettacolare da un penitenziario svizzero del Cantone di Vaud. «I quadri? Ho sempre restituito tutto, e perfettamente integro. Magari in cambio di un piccolo contributo... Ho passato in galera 25 dei miei 67 anni. E oggi dico ai giovani: non imitatemi».