Storia pittoresca e crudele ma il libro è un’altra cosa

IL CACCIATORE DI AQUILONI
Sono amiconi nella Kabul del 1979 il piccolo e ricco Amir e il coetaneo Hassan, servo nella sua casa e asso nel volo degli aquiloni.
Finché una vigliaccata del giovin padrone divide i due ragazzini. Passano gli anni e Amir, trasferito in California, torna in Afghanistan per farsi perdonare.
Una musica da mal di testa accompagna la pittoresca e crudele storia, che piacerà di più a chi non ha letto l’appassionante romanzo da cui è stata tratta con diligenza scolastica.