Strada: "Emergency può dare una mano"

Kabul - Il fondatore di Emergency, Gino Strada, è arrivato ieri a Kabul: "Daniele sta bene, stiamo cercando di dare una mano, io sono ottimista". Poi precisa: "Non facciamo trattative, ma offriamo conoscenze". Strada è in Afghanistan da poche ore e racconta delle difficoltà che ci saranno, del tempo e della pazienza che ci vorrà: "In questa storia chi sa poco parla tanto e chi sa qualcosa non può parlare, ma sia chiaro: noi non facciamo trattative. Noi offriamo conoscenze. Emergency metterà a disposizione i suoi contatti, contatti che ci vengono dalla nostra credibilità. Siamo qui dal 1999 e abbiamo trenta cliniche sparse per il paese, senza mai chiedere un soldo a nessuno e abbiamo curato un milione e duecentomila afgani su una popolazione di 24 milioni". E aggiunge: "Aprire canali per noi non è particolarmente difficile, l'attività svolta per anni ci ha abituato ad avere a che fare con la gente. Il canale c'è".