Per le strade di Cuba riappaiono gli alberi di Natale

«A Cuba tornano gli alberi di Natale». È uno degli ultimi post di Yoani Sánchez. La nota attivista per i diritti umani racconta che dopo lungo tempo che si trovavano solo nelle case private, quest’anno gli alberi di Natale - simbolo religioso e del nemico capitalista Usa - sono apparsi anche nelle vetrine di alcuni negozi, negli hotel e nelle caffetterie. Negli anni ’70 e ’80 il tipico abete addobbato a festa era vietato in tutti i luoghi pubblici. Dopo il crollo dell’Urss, l’apertura dei negozi in dollari e l’entrata in auge del turismo si è ricominciato a vedere gli abeti con luci lampeggianti, ma ogni volta le autorità intervenivano con circolari di divieto. Oggi forse qualcosa è cambiato.