Strade lavate senza multe Ecco tutte le vie dove l’auto non si sposterà più

Da viale Monte Nero passando per piazza Lima, via Marghera, piazza Napoli o via Cenisio. Un fil rouge lega le nove zone, lo stesso sollievo per 340mila automobilisti. Tanti sono diventati dal 2006 ad oggi i posti macchina graziati dal divieto di sosta per il lavaggio strade. Merito dello spazzamento globale brevettato quattro anni fa dall’Amsa, i bracci meccanici installati sui camion dell’azienda che pulisce le vie della città riescono a lavare strade e marciapiedi anche senza bisogno di spostare ogni volta l’auto. Da qualche giorno un privilegio che ha raggiunto altri 1.285 chilometri di strade, il Comune calcola che le famiglie coinvolte nella nuova estensione siano oltre 90mila.
La prima sperimentazione partì nel 2006 per un anno su un fazzoletto di ottanta chilometri di vie, allo scorso febbraio lo spazzamento copriva già 1.550 chilometri (per un totale di 2.090 strade coinvolte) e con l’ultimo step la copertura è arrivata a 2.835 chilometri, in pratica 2.460 vie e oltre sette milioni di marciapiedi (per la precisione, 7.347.000) lavati senza l’incubo del divieto. Nessuna zona è esclusa, lo spazzamento globale si divide equamente tra centro e periferia: da via Col di Lana a corso Sempione, Precotto, Argelati, piazza Bausan. L’elenco completo delle vie si può consultare sul sito internet www.amsa.it o è possibile contattare gli operatori al numero verde 800.33.22.99 tutti i giorni 24 ore su 24 per sapere se la propria strada è sulla mappa dello spazzamento.
«Amsa - sottolinea il presidente Sergio Galimberti - cerca di essere ogni giorno più vicina ai cittadini, ma anche i milanesi devono impegnarsi in prima persona per mantenere la città pulita».