«Strade scippate a Monza e Brianza»

Le strade della Provincia di Monza e Brianza le decide la Provincia di Milano. Lo denuncia Forza Italia e lo stabilisce «la delibera approvata dal consiglio provinciale su Asam, quella dove la Margherita ha fatto inserire un emendamento che, nero su bianco, rappresenta lo scippo ai danni della neo-Provincia di Monza e Brianza» sostiene Max Bruschi, vicecapogruppo azzurro. «Viene detto infatti che alla futura Provincia verrà conferito non il venti per cento delle azioni di Serravalle ma il venti per cento di Asam ossia un venti per cento ininfluente, visto che l’holding Asam è di proprietà per il 99 per cento della Provincia di Milano». Ciliegina sulla torta di un’operazione che quando avverrà la separazione tra Monza e Milano, nel 2007, potrebbe pure riservare altre sorprese. In ballo c’è anche il resto della dote, quel patrimonio di ville, scuole e uffici che, legge alla mano, potrebbero cambiare targa. Condizionale d’obbligo visto che l’assessore provinciale al Demanio, Bruno Casati, va ricordando come finì nel 1992 la divisione dei beni tra Milano e l’allora neonata provincia di Lodi, «con un contenzioso durato sette anni».