Strage di Bologna: confermati 30 anni al Nar Ciavardini

La seconda sezione penale della Cassazione ha confermato ieri la condanna a 30 anni di reclusione inflitta dalla corte d’appello di Bologna all’ex estremista di destra Luigi Ciavardini, accusato di essere l’esecutore materiale della strage alla stazione di Bologna, avvenuta il 2 agosto 1980. Nell’attentato esplosivo alla stazione bolognese morirono 85 persone e altre 150 rimasero ferite.
Ciavardini, ex militante dei Nuclei armati rivoluzionari (Nar) che all’epoca dell’attentato aveva 17 anni, è stato condannato a 30 anni nel dicembre 2004 dalla sezione minorenni della Corte d’appello di Bologna.
Ciavardini ha sempre sostenuto la sua innocenza. Per la strage di Bologna erano stati già condannati in via definitiva gli ex militanti del Nar Francesca Mambro e Valerio Fioravanti.