Strage di Erba, Olindo parla a Le Iene: "Io e Rosa non siamo assassini"

L'uomo, condannato all'ergastolo per la strage del 2006, chiede la revisione del processo: "Ho confessato per proteggere Rosa, lei ha confessato per proteggere me"

"Sul piano giudiziario ci daranno ragione per forza. Non sono un assassino: ho confessato per proteggere Rosa e lei ha confessato per proteggere me". Parola di Olindo Romano. Oggi, in prima serata su Italia 1, a "Le Iene Show", Antonino Monteleone è tornato a occuparsi del processo per la Strage di Erba. E lo fa con un'intervista esclusiva a Olindo Romano, condannato all'ergastolo per il pluriomicidio avvenuto l’11 dicembre 2006, insieme alla moglie Rosa Bazzi. I due erano i vicini di casa delle vittime.

Quella sera, nel paese in provincia di Como, furono uccisi Raffaella Castagna, il figlio Youssef Marzouk, la madre Paola Galli, la vicina di casa Valeria Cherubini, e fu gravemente ferito il marito di quest’ultima Mario Frigerio.

Si tratta della prima intervista in assoluto rilasciata da Olindo Romano dopo la condanna ed è stata realizzata all’interno del carcere di Opera, a Milano. Le Iene iniziano alle 21:10: stay tuned.

Commenti

patrenius

Dom, 28/10/2018 - 21:32

Io ci credo! Questo è un altro papocchio di certa magistratura.

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Dom, 28/10/2018 - 22:11

Che non si fa per fare gossip... Come per l'omicidio di Yara, giornalate di nulla per dare voce ad assassini passati in giudicato e che pertanto tali sono. Si da voce a gente che ha ucciso nel modo più efferato e o quali sono stati giudicati in tutti i gradi di giudizio possibili ed immaginabili. Ho provato a sentire quello che diceva sto tizio e mi è venuto da ridere e da piangere allo stesso tempo... delle fesserie colossali... Ora, quando condanneranno quelli che hanno ucciso Cucchi, per quanti secoli andremo avanti con le interviste che tentano di ribaltare una verità consolidata? Tutto fa media...

Kino

Lun, 29/10/2018 - 09:20

Persino Marzouk dice che non sono stati loro. Andate a vedere i vari servizi su Youtube e ascoltate le dichiarazioni dei testimoni.Il marito di valeria Cherubini , gravemente ferito, quando si é ripreso per una ventina di giorni ha negato che fosse Olido "E' il mio vicino, lo conosco bene" , per poi accusarlo in seguito.E' stata una strage di professionisti, nessuna traccia di sangue a casa dei Romano, nessun vestito sporco di sangue , niente neanche negli scarichi della lavatrice. etc etc.