Una strage a Phnom Penh Calca alla festa religiosa: 345 vittime, molte donne

Tragedia nella capitale della Cambogia: 345 persone sono morte in occasione di una festa religiosa, in centinaia sono rimasti schiacciati sul ponte che collega la città con l'isola Diamante per una fuga precipitosa della gente

Phnom Penh - Tragedia in Cambogia durante una festa religiosa. Pressati dalla calca e calpestati dalla folla. Almeno 339 persone sono morte in occasione di una festa religiosa nella capitale Phnom Penh. Le vittime sarebbero quasi tutte donne. Lo afferma il primo ministro cambogiano. La calca si e' svolta su un ponte che collega Phnom Penh alla Diamond Island, l'isoletta sul fiume Tonle Sap, che collega l'omonimo grande lago al fiume Mekong. Sull'isola si sono svolti i principali eventi nell'ultimo giorno della Festivita' dell'Acqua, che ogni anno in autunno, attira milioni di cambogiani nella capitale.

Tre giorni di festa dell'Acqua Centinaia di persone si trovavano sul ponte che collega la capitale cambogiana con l’isola Diamante sul fiume Tonle Sap, che collega l'omonimo grande lago al fiume Mekong quando si è innescata una fuga precipitosa della folla. Sull’isola si stavano concludendo i tre giorni della Festa dell’Acqua, un grande evento che ha attratto a Phnom Pen milioni di persone per assistere alle gare di barche, concerti e fuochi d’artificio che contraddistinguono la festività.