Stramilano da record e il Pirellone batte il Comune

FIUME DI FOLLA In gara più di 50mila appassionati e nella sfida tra politici vince la squadra della Regione

Tra atleti, appassionati e semplici amanti della corsa, ieri mattina erano più di 50mila. Tutti lì con pettorina e scarpe da ginnastica, pronti a scattare quando alle 9.04 il reggimento d’artiglieria Voloire ha sparato il colpo di cannone. E poi via, di corsa lungo un tragitto di dieci chilometri attraverso la città. È stata una Stramilano da record quella di quest’anno per il numero dei partecipanti alla marcia non competitiva e per quello dei professionisti, più di seimila. Non solo, ma la manifestazione podistica più famosa d’Italia, dedicata a Candido Cannavò direttore del più celebre quotidiano sportivo nazionale e dove ieri mattina è stato esposto uno striscione antifascista alla partenza per protestare contro il raduno di Forza Nuova, ha riservato anche alcune novità per la sua trentottesima edizione. Prima fra tutte la partecipazione delle squadre dei politici - rappresentanti di Comune e Regione - per una domenica in versione «runners». E così, in mezzo agli atleti, ecco il governatore della Lombardia e il vicepresidente Gianni Rossoni, accompagnati da una propria delegazione, a capitanare la formazione del Pirellone. Per Palazzo Marino sono scesi in campo l’assessore allo sport Alan Rizzi, l’assessore alla sanità Giampaolo Landi di Chiavenna, quello alle attività produttive Giovanni Terzi. In gara anche il presidente della Provincia Filippo Penati e l’onorevole Maurizio Lupi. Ad aggiudicarsi la vittoria, la Regione. Ma è stata anche la giornata della Stramilanina, la corsa dedicata ai mini runners e ai loro accompagnatori su un percorso di soli 5 chilometri, con partenza sempre da piazza del Duomo. Da piazza Castello invece, alle 10.45 ha preso il via la competizione agonistica internazionale, la mezza maratona dedicata ai migliori fondisti del mondo e agli agonisti Senior e Master. La vittoria è andata all’atleta keniota Paul Kimayo che aveva già trionfato alla Stramilano del 2006. Sul podio insieme a lui, due connazionali. Primo degli italiani, il pisano Daniele Meucci, che ha conquistato il quinto posto. Tra le donne, ha vinto l’etiope Kebede Shewaye Aberu.