Strane «priorità» a Novi Ligure

nei giorni scorsi ho assistito allibita allo sradicamento degli alberi sani e ventennali di via Nino Bixio a Novi Ligure, che ha reso questa via un deserto.
Sarebbe stato meglio abbattere capannoni e case diroccate e strade con buche e marciapiedi pericolosi. Inoltre non esiste un controllo per motorini truccati che a sera inoltrata, uniti a schiamazzi giovanili, impediscono il riposo ai residenti dello «Spazio Verde», luogo usato per il loro divertimento e deposito dei loro rifiuti.
Ci vuole ben altro che un Museo dei Campionissimi o serate gastronomiche per definire Novi Ligure una cittadina turistica, ma evidentemente alla giunta comunale di sinistra, non interessa questo diffuso degrado.
Marisa Castelli