Stranieri e italiani: è un’estate da pienone

Per quest’estate va così. Si parla straniero nelle spiagge, ma si torna anche a parlare italiano. Secondo uno studio effettuato da Fipe-Confcommercio sui risultati dei primi due mesi estivi e sulle aspettative per i mesi di agosto e settembre, nel complesso, il saldo di fine stagione dovrebbe essere di 860mila turisti in più rispetto al 2005 e un giro d’affari di 300 milioni di euro. L’indagine è stata svolta in 260 imprese di vario genere: ristoranti, bar, gelaterie, discoteche, stabilimenti balneari, rifugi alpini, parchi a tema e centri benessere. Il 46,3% degli esercenti intervistati si è dichiarato soddisfatto dell’andamento dei primi due mesi estivi del 2006; il 16,5% ritiene che i guadagni non si discosteranno da quelli del 2005. Migliori sono invece le aspettative per i mesi di agosto e settembre: il 20,4% (il 17% in meno rispetto al 2005) crede che gli affari andranno peggio; il 36,4% si aspetta un pareggio e il 41,5% crede in un miglioramento. Per i mesi di giugno e luglio albergatori e ristoratori sostengono un aumento di presenze pari allo 0,5%, che in valore assoluto significa 1,4 milioni di unità e una domanda aggiuntiva di 100 milioni di euro. Aggiungendo gli arrivi in più dei due mesi successivi, il saldo di fine stagione dovrebbe essere di 860mila turisti in più rispetto al 2005, che totalizzeranno, calcolando i giorni di permanenza, 4 milioni di presenze aggiuntive. Un flusso turistico capace di generare un giro d'affari di 300 milioni di euro.