Gli stranieri e l’Italia: a ognuno la sua regione

Britannici, spagnoli e austriaci preferiscono le coste venete, i tedeschi restano affezionati a Rimini e Riccione

Manila Alfano

All’arrivo della bella stagione li vedi attraversare in massa le frontiere italiane. Organizzano viaggi in pullman o in treno, gli altri macinano chilometri in macchina con borse termiche a portata di mano.
Arrivano da ogni parte d’Europa. Ma basta sapere da dove provengono per indovinare in anticipo quale sarà la loro meta di villeggiatura. A ognuno la propria regione, campagna, lago, città d’arte. Gli stranieri che fanno le vacanze in Italia hanno le loro preferenze e le idee chiare, e la tendenza viene come ogni anno confermata. Una ricerca realizzata dall’Osservatorio nazionale sul turismo di Unioncamere e dall’Istituto nazionale ricerche turistiche riesce bene a fotografare la situazione. Secondo le previsioni sull’affluenza di turisti attesi in Italia dai Paesi d'Oltralpe, emerse in seguito a un'indagine sui principali tour operator internazionali che propongono l'Italia per le vacanze estive alberghi e spiagge delle coste venete saranno presi di mira da austriaci, inglesi, spagnoli ed europei dell'Est. I francesi e i tedeschi hanno preferito invece Rimini e Riccione. Belgi e olandesi la Sicilia, gli svizzeri la Toscana, mentre danesi, svedesi e norvegesi puntano alla costiera amalfitana. I nord-europei, tedeschi, svizzeri e olandesi si sono lasciati incantare dalla città di Firenze mentre gli europei dell'Est, i francesi, gli inglesi e gli spagnoli hanno scelto Roma.
Le città d'arte, itinerari e mare attirano sempre i mercati d'Oltralpe. Gli europei sono attesi nelle località della Toscana (con un 38,8%, in recupero rispetto allo scorso anno), nel Lazio (con il 27,6%, contro il 50% del 2005) e nel Veneto con il 13%. Seguono la Lombardia, Campania, Piemonte e Sicilia. Per il mercato europeo, le destinazioni balneari più vendute sono le coste emiliano romagnole (21,7%), quelle del Veneto (18,6%), della Toscana e della Sicilia (entrambe con il 14%.
Ma spazio anche alle zone di montagna: il Trentino resta la regione leader seguito dalla Valle d'Aosta e dal Piemonte con il 14% e la Toscana è la regione termale per eccellenza. Unioncamere conferma che la Toscana resta leader delle vacanze in agriturismi, con il 57,9% del totale dei viaggi venduti su questo prodotto. Per gli amanti dell’enogastronomia la Toscana è in testa alle preferenze, con il 69% e la Sicilia è l’unica regione del Sud. In misura minore si cominciano ad inserire destinazioni prima escluse dai circuiti: Campania, Puglia, Calabria e Sardegna.
E gli italiani? L'Italia ha il mare nel cuore. Lo dimostra una volta di più il terzo censimento sugli scorci più amati dagli italiani. «Luoghi del cuore», organizzato dal Fondo per l'ambiente italiano, ha visto primeggiare la spiaggia dei Conigli a Lampedusa, la Baia dei Turchi a Otranto e lo Stretto di Messina. Ma il dato che sembra essere più interessante è che in tutta Italia si registrano i prezzi dello scorso anno e in molti casi anche riduzioni. Gli stranieri ultimamente si erano lamentati dei prezzi in Italia. Evidentemente le imprese turistiche italiane hanno deciso di adeguarsi.