Lo straniero condannato verrà espulso

Basta una condanna a due anni di reclusione per consentire a un giudice di decretare l’allontanamento del territorio italiano, oltre che di un irregolare, anche di un cittadino di uno «Stato membro dell’Unione Europea». Questa misura, contenuta nell’articolo 1 del decreto legge, aumenta i casi di espulsione dei comunitari che delinquono ed è stato pensato per dare il via a un giro di vite sull’allontanamento dei rom dall’Italia.
Il decreto legge prevede poi pene fino a 6 anni per gli stranieri che danno generalità false e alterano le impronte digitali. E stabilisce l’aggravante di clandestinità: chiunque delinque da irregolare si vedrà la pena aumentata di un terzo, indipendentemente dal reato compiuto. Infine il decreto legge introduce il carcere fino a tre anni e la confisca della casa a chi affitta a irregolari con «ingiusto profitto».