Gli straordinari della Milano

Silvia Cerioli

Non tutti, in Campidoglio, hanno fatto vacanza durante il periodo natalizio. Anzi, c’è persino chi ha lavorato con maggior lena in questo periodo. Tra il 15 dicembre e i primi giorni del 2006 l’assessore Raffaela Milano ha fatto la spola tra inaugurazioni, incontri di solidarietà e feste. «Natale è un periodo molto impegnativo», ha sospirato la responsabile degli Affari Sociali nel bel mezzo di queste giornate vorticose. In un solo caso, il Campidoglio l’ha esentata dal servizio: al pranzo della Comunità di Sant’Egidio. Lì, si è recato il sindaco Walter Veltroni. Meno affaticato, ma decisamente divertito, è apparso invece Gianni Borgna, assessore alla Cultura: ospite d’onore per la Festa della Befana, ha dato fondo a una discreta quantità di dolciumi, mettendosi in competizione con i bambini. Il che spiega bene il sorriso beato, sfoderato durante la manifestazione.
E restiamo nell’ufficio del primo cittadino. Unipol, Bnl, coop rosse, Ds: in questi giorni, nella rassegna stampa di Veltroni, si trovano soprattutto articoli dedicati a questi argomenti. Tanta lettura, ma nessuna dichiarazione. Il sindaco ha mantenuto un completo riserbo su queste stesse questioni, quel «silenzio assordante» già notato la scorsa estate. Tanta riservatezza potrebbe sciogliersi dopo la direzione dei Ds, prevista per mercoledì 11 gennaio. Silenzio sul caso Unipol anche per il presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, che ha disertato molte delle manifestazioni pubbliche previste a Roma per Natale. Sul fatto che il suo nome compaia in alcune intercettazioni, l’ex conduttore tv continua ad ostentare un disinvolto mutismo. Non a caso, si è concesso alla folla della Capitale contando sulla rassicurante presenza dei suoi «fratelli» politici, Veltroni e il presidente della Provincia, Enrico Gasbarra.