Strauss-Khan non si candiderà all'Eliseo

L’ex direttore del Fondo
monetario internazionale, Dominique Strauss-Kahn, non intende candidarsi per la corsa all’Eliseo del 2012: lo
ha detto ai suoi fedelissimi la candidata socialista, Martine Aubry, che ha avuto un
colloquio telefonico con Dsk nel fine settimana

Parigi - L’ex direttore del Fondo monetario internazionale, Dominique Strauss-Kahn, non intende candidarsi per la corsa all’Eliseo del 2012: lo ha detto ai suoi fedelissimi la candidata socialista, Martine Aubry, che secondo il sito Atlantico.fr ha avuto un colloquio telefonico con Dsk nel fine settimana. In quell’occasione, afferma Atlantico, Strauss-Kahn le avrebbe "comunicato l’intenzione di non partecipare alle primarie socialiste", nelle quali verrà eletto il candidato della ’gauchè alle presidenziali. Dsk avrebbe inoltre autorizzato la Aubry ad annunciare "pubblicamente" la sua decisione. Cosa che la Aubry non ha ancora fatto.

Le primarie del partito socialista Sempre secondo Atlantico, la decisione di Strauss-Kahn di non candidarsi alle primarie socialiste sta cominciando a circolare nei corridoi della Rue Solferino, storica sede dei socialisti a Parigi. Questa mattina, nel corso di un appuntamento con la stampa, il portavoce del partito Benoit Hamon, ha fatto sapere che le primarie si svolgeranno secondo il calendario previsto: "Siamo nel quadro di un calendario politico, abbiamo convocato milioni di francesi per il 9 e il 16 ottobre e abbiamo già lanciato una campagna sul terreno (...) oggi non possiamo vincolare questo calendario (...) al calendario giudiziario americano". "Bisogna lasciar respirare Dominique Strauss-Kahn, dobbiamo lasciarli il tempo di dirci a che punto è", ha concluso Hamon.