Al via uno «Strega» da record: quest'anno gli autori candidati sono più di venti

È già «bagarre» per il premio letterario più ambito d'Italia. Domani saranno selezionati i 12 scrittori che saranno votati per la cinquina. La «finalissima» il 10 giugno a Roma

Edizione numero 64 del Premio Strega da record, almeno per numero di concorrenti. Sono una ventina infatti i libri che concorrono al più blasonato e ambito tra i riconoscimenti letterari italiani. Da questo numero martedì 13 aprile il comitato direttivo presieduto da Tullio De Mauro, sceglierà i 12 libri che ufficialmente gareggeranno alla votazione per la cinquina dello Strega, in programma giovedì 10 giugno a Roma, nella casa che fu dei coniugi Goffredo e Maria Bellonci, fondatori del premio insieme alla famiglia Alberti, che produce il celebre liquore Strega. Giovedì 1° luglio, sempre a Roma, al Ninfeo di Villa Giulia, dalla cinquina uscirà il sessantaquattresimo vincitore della storica manifestazione.
Stando alle indiscrezioni più ricorrenti, allo Strega 2010 sarebbero candidati: Paolo Sorrentino con «Hanno tutti ragione» (Feltrinelli), Antonio Pennacchi con «Canale Mussolini» (Mondadori), Silvia Avallone con «Acciaio» (Rizzoli), Lorenzo Pavolini con «Accanto alla tigre» (Fandango), Raul Montanari con «Strane cose, domani» (Baldini Castoldi Dalai), Matteo Nucci con «Sono comuni le cose degli amici» (Ponte alle Grazie), Vito Foschini con «The father» (Newton Compton), Giacomo Lopez con «Non resterà la notte» (Marsilio), Sebastiano Mondadori con «Un anno fa domani» (Instar), Angela Bubba con «La casa» (Elliot), Francesco Recami con «Prenditi cura di me» (Sellerio), Luigi Romolo Carrino con «Pozzoromolo» (Meridiano Zero), Paolo Maurensig con «La tempesta» (Morganti), Giuseppe Schillaci con «L'anno delle ceneri» (Nutrimenti), Beatrice Masini con «Bambini nel bosco» (Fanucci). Da segnalare anche l'autocandidatura di Rosa Matteucci con «Tutto mio padre» (Bompiani) e infine la decisione dell'editore Neri Pozza di non concorrere polemicamente allo Strega né ad altri premi perché - si legge in un comunicato della casa editrice, «la vittoria, nei premi letterari italiani più importanti, è riservata da quasi mezzo secolo esclusivamente a due soli gruppi editoriali», cioè a Mondadori e Rizzoli.
Il compito di ridurre a 12, per regolamento, il numero dei pretendenti al voto per finire in cinquina allo Strega 2010, è affidato al comitato direttivo presieduto da De Mauro e composto da Franco Alberti, Alessandro Barbero, Tullio De Mauro, Giuseppe De Rita, Valeria Della Valle, Fabiano Fabiani, Alberto Foschini, Melania Mazzucco e Ugo Riccarelli. L'esito delle loro scelte verrà reso noto in una conferenza stampa mercoledì 14 aprile a Benevento, nella sede dello stabilimento Strega Alberti spa. Saranno presenti: Fausto Pepe, sindaco di Benevento, Raffaele Del Vecchio, assessore alla Cultura del Comune di Benevento, Alberto Foschini, presidente di Strega, Alberti, e Stefano Petrocchi, coordinatore esecutivo della Fondazione Bellonci, l'ente che gestisce il premio. La presentazione ufficiale degli autori in gara avrà luogo sempre a Benevento il 22 aprile.