Strisce blu gratis per i residenti: la Cdl attacca Croci per i ritardi

Fi e An: «Il permesso fuori dall’area Ecopass doveva partire da gennaio»

(...) «Visto che l’aula non è riuscita a esprimere la propria posizione sul tema, ma ero presente e ho seguito il dibattito - spiega Croci -, ho ritenuto di accogliere come indicazione il fattore che accomunava le tre diverse mozioni» (oltre a quella di Fi, una del Pd e una della Lista Moratti). Dunque: «Come abbiamo fatto per gli abbonamenti e gli ingressi multipli scontati, riunirò subito un tavolo tecnico per estendere la proroga ai pagamenti anche sui pass singoli. La volontà politica c’è, troveremo la modalità tecnica adatta».
Il documento di Fi chiedeva la moratoria per gli Ecopass giornalieri, ma anche di annullare le multe per chi è entrato per sbaglio nelle nuove corsie preferenziali nelle prime due settimane («consideriamolo un esperimento», ha sostenuto il capogruppo di Fi Giulio Gallera) e consentire il libero accesso di moto e scooter anche sulle corsie riservate dove non è previsto, come corso Magenta. Sulla sanatoria è mancato l’accordo sia di Pd che di An: alla fine Cdl e opposizione hanno concordato di correggere la richiesta con una generica «sospensione delle sanzioni» per verificare se chi è passato era «in buona fede», ossia ha pagato l’Ecopass ma non si è accorto che entrava in una nuova ztl. Quasi fatta, ma il capogruppo della Lista Moratti Paolo Gradnik si è messo di traverso presentando una mozione senza il riferimento alle preferenziali e pretendendo che fosse discussa solo quella. La seduta si è chiusa senza dibattito. «È un atto di arroganza - è esploso l’azzurro Aldo Brandirali - essere il partito del sindaco non significa avere sempre ragione». «Abbiamo cercato una mediazione per ore - ha affermato il capogruppo di An Carlo Fidanza - a questo punto ci sentiamo svincolati, da domani (oggi, ndr.) inizieremo a raccogliere firme in corso Buenos Aires per consentire ai residenti di posteggiare gratis sulle strisce blu».
Altro tema caldo della giornata: la promessa ai residenti che abitano fuori dalla Cerchia l’aveva fatta anche l’assessore Croci, dopo il voto bipartisan e unanime della mozione che chiedeva di permettere la sosta gratis sulle blu già da inizio gennaio. Nei primi giorni del ticket le proteste dei cittadini che fanno «a pugni» con i pendolari per trovare parcheggio non sono mancate. «Si tratta di cambiare decine di migliaia di cartelli - spiega Croci - lo faremo nel corso del 2008 ma ci vuole tempo, non ho mai detto che sarebbe partito a gennaio». La mozione, accusa Gallera, «nasceva da una forte esigenza dei cittadini, va fatto». È «una promessa non mantenuta, le difficoltà tecniche si sapevano anche a novembre», concorda il consigliere del Pd Pierfrancesco Maran.
Ieri, intanto, fino alle 18 sono entrati nell’area Ecopass oltre 96mila auto, ma quasi l’80% aveva motori ecologici. Il Comune assicura che grazie alle corsie riservate i mezzi stanno viaggiando più veloci, in media, del 17,3%.
Il ticket però viene bocciato dal sindaco di Roma Walter Veltroni: «Non mi piace l’idea che chi ha i soldi può entrare e chi non li ha resta fuori».