Strisce blu? Ridimensionate, ma non in centro

Sulle questione delle strisce blu il sindaco conferma quanto già annunciato: «Faremo una delibera-quadro che darà nuovo fondamento alle strisce blu del centro storico. Mercoledì si riunirà una commissione terza, sentite (questa mattina dall’assessore alla Mobilità Marchi) le varie associazioni, i consumatori, i commercianti e i residenti, per rivedere tutte le strisce blu e ridimensionarle, ma - ripeto - solo fuori dal centro storico».
Il sindaco aveva sospeso dal 30 maggio - e fino a nuova deliberazione dell’amministrazione comunale in materia - «la tariffazione della sosta nelle aree definite di particolare rilevanza urbanistica, di cui alla deliberazione n.104/2004 annullata, nel territorio del comune di Roma»: ovvero in sostanza, parcheggiare sulle strisce blu non era più - temporaneamente - a pagamento. La decisione era stata presa dopo la sentenza del Tar del Lazio che aveva accolto il ricorso del Codacons e annullato la delibera comunale n.104/2004, giudicando illegittime le strisce blu.
Intanto le associazioni dei residenti premono per un incontro chiarificatore con il primo cittadino. In ballo l’angosciante ipotesi che troppi posti auto a rotazione possano scomparire improvvisamente. Ipotesi in realtà già scongiurata da Alemanno ma che dovrà essere fugata del tutto. Comunque l’Associazione Tridente Centro Storico «caldeggia - si legge in una nota - l’introduzione dei parcometri a tariffa maggiorata alla Passeggiata di Ripetta, a piazza Augusto Imperatore e a via Monte Brianzo». L’associazione, che si dice disponibile ad incontrare il sindaco Gianni Alemanno, chiede, attraverso il suo presidente Adriano Angelini, «che i residenti continuino ad essere esentati dal pagamento della sosta in queste aree. Proponiamo altresì la possibilità per i residenti delle zone attorno alla ztl di poter parcheggiare per tutto l’arco delle 24 ore gratuitamente nelle aree limitrofe ad esse».