Stroppa e Carbone castigano «il Giornale»

Gian Piero Scevola

Una volta tanto iniziamo dagli sconfitti, dai vinti, da quelli che fanno fatica a conquistare i punti. Dai gialli del Giornale che, come i guerrieri greci alle Termopili, hanno combattuto fino all’ultimo secondo contro la forte Atahotels di Paolo Ligresti, cadendo letteralmente sul campo. Ha iniziato poco prima della gara il portiere Roberto Fusco a dare forfait per un violento attacco febbrile, però degnamente sostituito da Luca Muttinelli che ha fatto l’impossibile per fermare le bordate dei big Stroppa e Carbone e gli straordinari interventi del paratutto Mario Ielpo (aiutato anche da due pali). Ma il peggio del peggio per i gialli di via Negri, è arrivato nella ripresa. Dopo pochi minuti, il capitano Andrea Manzoni, in un fortuito scontro di gioco con Angelo Carbone, riportava la frattura scomposta del setto nasale (ieri è stato operato) e subito dopo anche Maurizio Grosselli era costretto a lasciare il campo per uno strappo ai gemelli del polpaccio sinistro. A nulla servivano le reti di Lupone (2), Rossi e Billy Berlusconi e un secondo tempo tutto nella metà campo degli avversari, perché per Atahotels la parte del leone la facevano Carbone (3), Stroppa (2), Botti e Ligresti per un 7-4 finale che penalizza troppo i sfortunati «eroi» del Giornale. Col Mister dei gialli di Paolo Berlusconi che ora rischia di non mangiare il panettone a Natale.
Continua intanto la marcia solitaria della corazzata Epicas, impostasi però appena 2-1 sullo Studio Izzi, grazie alle reti dei «novelli bomber» Franco Baresi e Pietro Vierchowod con Chicco Evani, infortunato, a incitare a bordo campo insieme al mister Maurizio Ganz. È mancata però la sfida tra il grande Franz e il duo Daniele Massaro-Filippo Galli che hanno preferito assistere senza prendere troppo freddo. Non perdono un colpo anche Media Partners e Radiorama, rispettivamente vittoriose 6-4 su Movitalia e 9-3 su Impossible is nothing (Adidas). Tra i ragazzi di Andrea Locatelli sono andati a segno Santarossa (2), Crippa (2), Franceschetti e Baldo, mentre per Movitalia in grande evidenza Passariello (2), Formoso e Galluzzi. Tutto facile per i ramazzottiani: poker di Gencarelli, doppietta di Monguzzi e gol di Savi, Lapis e Bottoni, mentre per Adidas a segno il francese Lemarchand, Didonè e Sabatino.
Vince anche Sky, 7-4 su Banca Mediolanum, con le reti messe a segno da Limetti (3), Ghisoni (2), Toninelle e Castellazzi, mentre tra i bancari guidati da Stefano Nava, autore di un gol, hanno realizzato anche Garibaldi, Bevilacqua e Orlandi. Arriva invece il primo punto in classifica per Il Maestro di casa che ha imposto il pareggio 5-5 ai forti Citizens of Humanity, una tra le squadre favorite del torneo che ieri sera però era priva di Demetrio Albertini. C’era invece Benoit Cauet, autore di una tripletta, mentre le altre segnature sono arrivate dal deejay Fargetta e da Ardizzone. Per il Maestro, in grande spolvero Foti (3 gol), Maddalena e Montesano. Insomma, lo spettacolo e le sorprese non sono mancate anche in questa 7ª giornata di una manifestazione che ogni giovedì sera attira sempre valanghe di tifosi sui campi della Masseroni Marchese.