Strumenti giocattolo e genio «in libertà»

Virtuosi all’opera. Stasera a Roma due concerti di grande interesse, a cavallo tra jazz e sperimentazione. La Casa del Jazz ospita il debutto del tour di John De Leo, ex voce dei Quintorigo, che ha da poco pubblicato il primo album solista Vago svanendo. L’Auditorium propone il concerto di due stelle del jazz, il trombettista Enrico Rava (bersaglio di Fiorello in Viva Radio2 minuti) e il pianista Stefano Bollani. Il primo appuntamento metterà in mostra le grandi capacità vocali di De Leo, ma soprattutto la sua capacità di giocare con la musica, attraversando i generi con contagiosa ironia. L’album, lanciato da Bambino marrone, interamente suonato con strumenti giocattolo, è un fulgido esempio di come si possa ancora sperimentare. Con lui sul palco ci saranno Christian Ravaglioli all’oboe e alla fisarmonica, Fabrizio Tarroni alla chitarra, Dario Giovannini al piano, Achille Succi al clarinetto basso. E naturalmente ognuno dei musicisti avrà i suoi giocattoli musicali. Ospite d’onore lo scrittore Stefano Benni. All’Auditorium torna un duo ben rodato: Enrico Rava è il jazzista italiano più conosciuto nel mondo, Stefano Bollani il talento più sorprendente della sua generazione. Presenteranno i brani del loro album più recente, The third man, pubblicato dalla ECM. Un tributo a Orson Welles e al cinema noir, che segue il precedente Tati. Il nuovo lavoro è stato nominato miglior disco dell’anno dalla rivista Musica Jazz, mentre Enrico Rava ha vinto il premio come miglior musicista e Stefano Bollani quello di miglior pianista del 2007.