Strumento di lavoro tutto-fare

Negli aeroporti del Garda la catena della sicurezza passa anche attraverso i palmari. Fotocamera, sistema Gps e comunicazione wireless rappresentano altrettanti strumenti chiave per l’ispezione delle piste di decollo e atterraggio, e costituiscono pure la dotazione che ha portato a impiegare una batteria di iPaq Hw6915, Pda all-in-one a marchio Hp, per la manutenzione preventiva negli scali di Verona Villafranca e di Brescia Montichiari. Spiega Antonio Zerman, direttore delle infrastrutture di Aeroporti del Garda: «Le esigenze di manutenzione sono cresciute in parallelo all’ingrandirsi delle aerostazioni e all’aumento del traffico: la necessità di monitorare ampi spazi e di localizzare con la massima precisione anomalie e guasti sulle piste ci ha spinto verso una soluzione innovativa, che agevola il lavoro degli addetti e permette loro di intervenire in modo tempestivo ed efficace».
Se n’è occupata la società controllata Adg Engineering, sviluppando un’applicazione ad hoc che sfrutta gli iPaq Hw6915 per la rilevazione e la trasmissione dei dati a un apposito server, i quali vengono gestiti da un sistema informativo territoriale (Gis) con cui i tecnici, analizzate le cause, identificano le aree più soggette a usura, così da programmare la manutenzione preventiva. «Abbiamo scelto palmari Hp di ultima generazione - afferma il presidente di Adg Engineering Paolo Zanelli - perché capaci di gestire contemporaneamente diverse applicazioni». Gli iPaq acquisiscono la posizione tramite il sistema Gps, scattano le foto dei guasti e memorizzano il rilievo effettuato. I dati così registrati e le immagini sono mantenuti localmente nel palmare all’interno di un database Sql Server Mobile Edition e successivamente vengono trasferiti al server dell’aeroporto sincronizzando l’applicazione del Pda attraverso la rete wireless.