Uno studente promosso alla memoria

Franco Sala

Maturità alla memoria. È stata conferita ieri a Federico Russo, 18 anni, scomparso il 30 maggio scorso in un incidente stradale, mentre in sella alla sua Yamaha 250, stava andando all’Istituto Tecnico Leonardo Da Vinci, a Carate Brianza. Lo studente, che abitava a Sovico coi genitori, quella maledetta mattina, è finito contro una Golf. Impatto violentissimo, non c’è stato nulla da fare. Poi grande commozione per la sua scomparsa: sconvolti compagni di classe e professori.
Francesco era uno studente modello, voti sempre ottimi, negli ultimi mesi assieme a un gruppo di ragazzi aveva lavorato al «Progetto Leonardo», programma di disegno virtuale. Insomma, faceva parte di un gruppo di studenti che si distingueva. Arrivati gli scrutini, i docenti avevano deciso di ammetterlo alle prove di maturità, anche se ormai non era più tra loro. E ieri i professori, d’accordo con la preside, gli hanno assegnato la maturità di perito meccanico. Si tratta di un caso unico. «Abbiamo deciso in questo senso - spiega la preside Domenica Maria Bueti -, non solo e non tanto per il suo eccellente profitto scolastico, ma perché Francesco è stato un esempio di partecipazione alla missione educativa».
Sul suo banco i compagni di classe hanno adagiato le tavole del «Progetto Leonardo» con un biglietto. C’era scritto: «Senza la tua ostinazione questo lavoro non sarebbe mai stato realizzato».

Annunci

Altri articoli