Studenti idioti e pomiciate Brutta copia della commedia sexy

Possibile che i nostri studenti, si spera solo cinematografici, siano così cretini? Certo che se si chiamano Stiff e Scott, pur essendo romani, e manco a dirlo parlano in romanesco stretto, qualche colpa devono averla anche i loro genitori. Come il padre e la madre del ripetente Michele (Andrea De Rosa) che, preoccupati dalla disastrosa pagella di metà anno, ritirano il somaro da scuola e lo affidano a due insegnanti privati. Per italiano e latino la prescelta è la vistosa supplente Barbara (Sara Tommasi), la stessa che in classe aveva ironizzato sulle «email di Jacopo Ortis». E ora, a casa dell’allievo, si sente fare una proposta indecente: il ragazzo ha scoperto su Internet che la prof ha fatto un calendario sexy, così, in cambio di sensibili progressi nello studio, lei si spoglierà solo per lui. Questo il clou della desolante storiella dell’esordiente Luca Biglione. Attorno ruotano i flirt scolastici, che vedono in prima linea la graziosa Giulia Elettra Gorietti, reduce rimpolpata di Ti amo in tutte le lingue del mondo, e Marco Iannone, nel ruolo del farfallone Stiff. Di contorno la rossa Nathalie Rapti Gomez, che deve fare i conti con una mamma cotta dell’idraulico metallaro piombato a riparare la lavatrice. Tra battute penose («Il latino è una lingua morta, lo devo rianimare proprio io?») e ardenti pomiciate, spunta anche il preside fesso interpretato da Marco Messeri, indegno erede di Mario Carotenuto. Insomma una scuola d’ultima generazione che, in stupidità, fa accanita concorrenza a quella precedente, capeggiata da Alvaro Vitali. Per il resto è l’identica zuppa con la similvelina Sara Tommasi che subentra a Edwige Fenech. Facendola rimpiangere, con e senza abiti.

ULTIMI DELLA CLASSE di

Luca Biglioni (Italia, 2007), con Andrea De Rosa, Giulia Elettra Gorietti. 88 minuti