Tra gli studenti impegnati sui temi c’è anche Pietro Maso

Nel 1991 uccise padre e madre senza pietà per impadronirsi dell'eredità. Ora Pietro Maso pensa a rifarsi una vita. Con la donna che lo ha ospitato durante un permesso fuori dal carcere. E studiando. Ieri ha sostenuto la prima prova della maturità nel carcere di Opera, dove rimarrà fino al 2015. «Ha studiato 5 anni con dei tutor che l’hanno seguito passo passo» spiega Giacomo Paiano, l'ex preside dell’Istituto Benini di Melegnano che l’ha avviato allo studio. Ora Maso ha 36 anni. Entro un mese si saprà se ce l'ha fatta mentre chi gli sta vicino spiega che ha voglia di ricominciare a vivere una vita normale: quella che ha tolto ai suoi.