Studenti: raddoppiati i «prestiti d’onore»

Sempre più studenti - e non necessariamente solo quelli mantenuti da famiglie con redditi molto bassi - ricorrono ai «prestiti d’onore», ovvero a quei prestiti di denaro che servono per studiare. Un’iniziativa che Milano è stata la prima città d’Italia a varare nel 2003 grazie all’accordo tra Politecnico e BancaIntesa: da allora questi prestiti concessi sono quasi raddoppiati, soprattutto per poter ottenere l’iscrizione a master o stage all’estero. I prestiti arrivano fino a 10mila euro per quegli studenti che decidono di frequentare la Bocconi.