Gli studenti saranno alla «frutta»

C’era un tempo (non troppo lontano) in cui il problema era dar da mangiare ai bambini. Oggi dobbiamo convincerci che è il caso di toglierne loro un po’. O, almeno, costringerli a cibarsi con equilibrio. Ci proverà anche la Regione che, con l’inzio delle scuole, investe ben 950mila euro nel suo piano di educazione alimentare. «Obiettivo - spiega la vicepresidente e assessore all’Agricoltura Viviana Beccalossi (An) - è sensibilizzarli al consumo di frutta e verdura con volumi informativi e spingerli a un’alimentazione corretta anche con giochi tradizionali e interattivi». Offerta alle classi anche la possibilità di visitare gli ortomercati e una delle 118 fattorie didattiche (36 in provincia di Bergamo, 11 a Brescia, 2 Como, 8 a Cremona, 15 a Lodi, 6 a Lecco, 9 a Milano, 10 a Pavia, 1 a Sondrio 3 e 7 a Varese) presenti in Lombardia. «Un’attenzione particolare - aggiunge la Beccalossi - sarà rivolta anche al rapporto tra alimentazione e attività sportiva con iniziative di carattere generale e appuntamenti specifici legati ad eventi come la maratona di Milano e i mondiali di ciclismo a Varese. Necessario è informare i ragazzi anche sugli aspetti storici e culturali legati alle varie produzioni ed al loro territorio d’origine». Per informazioni basta un click sul sito www.buonalombardia.it.