Studi «alleggeriti»

Studi di settore, per i liberi professionisti il monitoraggio continua. Ancora per un anno, dunque, commercialisti, ragionieri, consulenti del lavoro, geometri e architetti godranno di un’applicazione «attenuata» degli studi ai fini dell’accertamento: potranno cioè essere utilizzati solo se emergeranno anche altri elementi meritevoli di attenzione dell’amministrazione finanziaria. La decisione di prorogare il monitoraggio è stata presa dalla Commissione di esperti per gli studi di settore, in considerazione della complessità di elaborare il meccanismo degli studi per queste categorie professionali. La Commissione ha recepito così anche le osservazioni fatte pervenire dai professionisti su richiesta della stessa Agenzia delle Entrate, prima fra tutte l’opportunità di proseguire il monitoraggio.
Così, è arrivato il via libera agli studi «leggeri» per tutti i professionisti, sia quelli che avevano beneficiato dell’applicazione attenuata nella tornata di revisioni del 2004, chiusa all’inizio del 2005, sia quelli interessati dalla tornata di revisioni del 2005, conclusa pochi giorni fa. Nella stessa riunione, fra l’altro, la commissione ha deciso di accordare una sorta di «tregua» ai settori del made in Italy più in crisi, a partire dalla filiera aviaria.