Stupefacenti

I giovani, i famosi giovani, si fanno di dmx, un analogo sintetico della morfina che è venduto liberamente come sedativo per la tosse. I giovani si fanno di Ghb, una molecola presente nell’organismo dei mammiferi che viene anche chiamata ecstasy liquida: è un allucinogeno che sino a poco tempo fa era usato come regolatore del metabolismo. I giovani si fanno di ketamina, un anestetico che ha effetti psichedelici e che è nella disponibilità di qualsiasi veterinario. Si fanno di maoinibitori, categoria di antidepressivi che vengono associati all’ecstasy. Si fanno di Pcp, la cosiddetta polvere d’angelo, potente analgesico e stordente usato sin dagli anni Cinquanta. Si fanno, anzi: fanno sniffing, un fenomeno più che una droga: in pratica inalano sostanze volatili presenti in colle, prodotti per la pulizia, carburanti, diluenti e solventi. Si fanno di popper, farmaco vasodilatatore usato per il trattamento degli infarti e come afrodisiaco. Non si menzionano le anfetamine, i sonniferi, il metadone, gli acidi o Lsd, soprattutto la cocaina, che a differenza di tutte le altre droghe impazza dentro la società e non ai suoi margini. La nostra vergognosa classe politica, intanto, straparla di droga ed è ferma agli anni Ottanta, al buco degli eroinomani che sono praticamente estinti, alla marijuana da ex sessantottini, a una società che non esiste più.